afritrading

I francesi sono una delle nazioni più pessimistiche del mondo, in questo i nostri paesi sono simili. La psicologa sociale Philippe Gabilliet è convinta che nel mondo moderno sia impossibile vivere senza ottimismo – deve essere indossato su se stesso, come l’armatura.

Psicologie: Francese – campioni di pessimismo. I sondaggi mostrano che secondo questo indicatore sono in anticipo anche degli abitanti dell’Afghanistan e dell’Iraq. Possono, in questo caso, attirare una conversazione sull’ottimismo?

Philip Gabiye: In Francia, ci sono molto rack dei riflessi del passato. La nostra mente è usata per notare solo il lato cupo delle cose. È difficile per noi riconoscere i nostri vantaggi e punti di forza, è difficile credere nel bene. A differenza, ad esempio, degli americani, hanno un’incredibile capacità di agire. Non c’è nulla di impossibile a loro avviso. Per noi, l’ottimismo è un esercizio imbarazzante per auto -affermazione. Né l’inglese, né il tedesco, né gli americani non lo trattano così.

Che definizione di ottimismo faresti?

F. G.: L’ottimismo è energia, la convinzione che la soluzione al problema sia possibile e siamo in grado di trovarlo. Di fronte all’ignoto, catastrofi di una scala globale, prima comprendo la situazione e poi provo a vedere il lato positivo, capisci cosa si può fare. Se non abbiamo un po ‘di speranza, è finita.

Credi davvero che il pessimismo paralirà, ci privi della capacità di agire? Ricorda i combattenti di resistenza durante la seconda guerra mondiale: difficilmente hanno ragioni per l’ottimismo. Tuttavia, hanno agito ..

F. G.: Ma erano ottimisti, avevano speranza per i migliori tempi, erano convinti che i cambiamenti sarebbero arrivati, che il nazismo non era eterno. Quanto tempo dura, un anno o più, non lo sapevano. Ma sapevano che non era per molto tempo. L’ottimismo guadagna forza proprio quando tutto è male.

Ottimismo e desiderio di cambiare lo stato delle cose sono due lati dello stesso potere, non è così?

F. G.: Il desiderio può riscaldare l’ottimismo, a condizione che abbiamo l’opportunità di agire in una determinata situazione. Ottimista: uno che si basa sulla realtà, su ciò che ha. Ottimizza le sue risorse. Smettiamo di scusa per te stesso. Sì, abbiamo problemi, ma la vita è piena di cose buone, non tutto è così male.

Ma puoi agire dalla disperazione ..

F. G.: No, non lo credo. Il motivo principale che ci incoraggia ad agire oggi è che crediamo, cosa accadrà domani, per il quale vale la pena farlo. Chiunque non creda nel futuro, dubita, si immerge in uno stato di depressione.

È comune per una persona fare domande esistenziali cupe. Sembrano molto presto, già durante l’infanzia ..

F. G.: Sì, questo è vero, ma i bambini hanno anche la capacità di ammirare. Un bambino in crescita è una prova vivente che l’ottimismo è nei nostri geni. Non vedrai mai il bambino per smettere di imparare a camminare. A proposito, anche nel senso di evoluzione e pessimismo dovrebbe essere riabilitato. Perché sia ​​io che io – siamo tutti discendenti dei pessimisti. Se i nostri distanti antenati non fossero da loro, sarebbero inghiottiti alla prima opportunità. Pertanto,

Certo, è un po ‘meglio che se rappresenti il ​​primo durante il tuo sesso. E se la alledinazione quando si ferma chiama il nome non prima, e qualcuno ti è sconosciuto? Su questa domanda nella scienza, Ahimè, non esiste una risposta di consolazione.

abbiamo due supporti, ma devono essere usati ragionevolmente. I pessimisti finiti hanno una visione imperfetta del mondo, vedono solo uno dei suoi fianchi, ma anche l’ottimismo assoluto non è un segno della mente.

Ci sono molti libri su questo argomento. Perché l’ottimismo è così alla moda ora?

F. G.: Penso che le persone provano una sensazione di impotenza, guardando ciò che sta accadendo sulla terra. Io, una piccola persona, non posso fare nulla per prevenire il riscaldamento globale o una crisi finanziaria globale. Il livello generale di istruzione sta crescendo allo stesso tempo. E se concludessimo una scommessa, l’ottimismo vincerà? Alla fine, l’ottimismo è al di fuori della religione, questo concetto è sorto nel diciottesimo secolo nell’era dell’educazione. Una persona ha la capacità di ottimizzare, moltiplicare ciò che gli viene dato. E quindi, la speranza può esistere senza speranza del Signore. Sì, il mondo è imperfetto, pieno di drammaticità, la disoccupazione sta crescendo, ma le persone vivono in esso che non si arrendono, ne avranno una nuova, creano aziende e escono i vincitori!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *